Una finestra aperta sulla «grande époque»

Cacciatori a cavallo

Vieux sabre, honneur du Capitaine

Vieux sabre, honneur du Capitaine

Stefano Manni (dell’Isola di Torre Maìna)

Vieux sabre, honneur du Capitaine – Grande Tenue sur sellerie pour service de route

(Vecchia sciabola, onor di Capitano – Alta Tenuta su selleria e bardatura per servizi di marcia o scorta)

Capitano anziano dei Cacciatori a Cavallo della Guardia Imperiale, alta tenuta 1804 – 1808.

Tributo a Lucien Rousselot ed omaggio a Jean Baptiste Edouard Detaille. Olio su tela cm. 50 x 40

Ho dipinto questa tela (adottando la soluzione pittorica del mezzobusto a cavallo sfumato al basso), nella quale l’uniforme indossata dalla figura in primo piano (“Grande Tenue”), è in disaccordo con la bardatura del cavallo (“Sellerie  a la chasseur / pour service de route”).

Per dirimere la questione, e prima di passare alla disamina degli aspetti iconografici del lavoro, possiamo senz’altro ipotizzare che il nostro capitano, reduce da un impegno che prevedeva l’alta tenuta (quale un servizio di rappresentanza, un picchetto d’onore o altra similare esigenza), dovesse immediatamente dopo svolgere un servizio di natura più ordinaria (come una scorta o una pattuglia a cavallo).

L’uomo, dunque, terminata la prima incombenza, si sarà attardato per qualche motivo (magari “galante”, cosa non rara tra i coraggiosi gentiluomini in forza alla cavalleria francese dell’epoca) e, mentre il suo fido attendente si è dato da fare per fargli trovare il cavallo regolarmente equipaggiato per quella successiva, egli non ha avuto il tempo materiale di cambiarsi d’abito e di adeguarsi alla tenuta detta “Tenue en habit a la  Chasseur” indossata, invece, (altro…)

Annunci

Vieux sabre, honneur du Capitaine – dessin-etude preparatoire

Vieux sabre, honneur du Capitaine - dessin-etude preparatoire

Vieux sabre, honneur du Capitaine – dessin-etude preparatoire


L’arret du trompette

m-043-20161209-c1-cont-fortStefano Manni   (dell’Isola di Torre Maìna)

L’arret de la trompette

Tromba dei Cacciatori a Cavallo della Guardia in grande tenue de service 1804 – 1805

Omaggio a Edouard Detaille 

Il lavoro si ispira, nel suo aspetto situazionale come frequente consuetudine, ad una tela di Jean Baptiste Edouard Detaille e rappresenta un trombettiere della celebre unità della Cavalleria Leggera Francese della Guardia Imperiale (legata all’Imperatore da un fortissimo vincolo di fedeltà, tanto che Egli, onde ripagare una così incondizionata dedizione alla sua persona, vestiva spesso la loro uniforme), nell’atto di fermare la sua cavalcatura, lanciata al galoppo. (L’originale del grandissimo Maestro Francese, raffigura un cavalleggero, suo connazionale, all’epoca della Guerra Franco- Prussiana del 1870). I particolari uniformologici del mio dipinto, sono (altro…)


Soirée

Soirée

Stefano Manni  (dell’Isola di Torre Maìna)

Soirée

Cacciatore a cavallo della Guardia in grande tenue 1804-1808

Omaggio ad Edouard Detaille

Questo lavoro – soggetto liberamente tratto da un lavoro del Maestro, che ritrae un artigliere a cavallo della Guardia – raffigura un cacciatore appoggiato alla sua cavalcatura, sullo sfondo di una giornata non lontana dal suo epilogo. L’uomo, dall’aria assorta e marziale, pur nel tranquillo e quasi romantico tramonto, indossa il dolman verde scuro, guarnito da cinque file di diciotto bottoni in rame dorato, unite dai corrispondenti alamari in lana aurore, con colletto in tinta, profilato aurore e paramani scarlatti gallonati aurore. L’uniforme prevede l’abbondante colbacco in pelo d’orso, con pennacchio (verde con punta scarlatta), fiamma scarlatta guarnita in aurore sulle cuciture principali, recante fiocchetto aurore e racchette (sul lato sinistro) pure aurore. La pelisse è in panno scarlatto e anch’essa reca cinque file di diciotto bottoni in rame dorato ed alamari in lana aurore. Questo effetto di abbigliamento, parimenti a quasi tutte le altre pelisse sfoggiate dai (altro…)


Grande tenue – Grande tenuta

Grande tenue

Grande tenue

Stefano Manni  

Grande tenue – Grande tenuta

Capitano del Reggimento Cacciatori a Cavallo della Guardia Imperiale,  grande tenuta 1804-1808

Questo subalterno sfoggia la “grande tenue” d’ordinanza. Il fodero della sciabola, riccamente decorato ed istoriato, era in uso presso gli ufficiali superiori ma, documenti e cronache, riferiscono che subalterni abbienti e, perché no, un po’ vanitosi, non disdegnassero di procurarselo anch’essi.

Olio su tavola

Cm 30 x 45

Collezione dell’Autore

Inserimento 26 settembre 2006